Recensione: "La ricetta segreta per un sogno" di Valentina Cebeni ed. Garzanti



Buongiorno sognatori! Oggi facciamo un altro viaggio, tutti a bordo verso l'isola del Titano ad assaporare ricette buonissime, dove gli ingredienti di base sono: misteri, segreti, passato, amicizia, amore ma sopratutto, sogno.



Un'isola lontana in cui tutto è possibile. Dove il vento parla di antichi misteri. Solo la magia dei dolci può svelarli.

Elettra ha imparato da sua madre che il cibo è il modo più semplice per raggiungere il cuore delle persone. Ed è proprio la scia del profumo di panini all'anice, amaretti, guelfi a farci da guida per tutto il romanzo. Elettra, da quando sua madre Edda è entrata in coma ha troppe domande che esigono risposta, le porta nel cuore e la turbano continuamente, perché lei deve capire chi è e sopratutto deve conoscere la vera Edda, quella donna da un misterioso passato, che non ha mai voluto svelare a sua figlia.

La cucina non ha mai fatto per me, e lo sapevi.”

Edda lavorava a La bottega dei sogni, sfornava pane e dolci, tutti amavano le sue prelibatezze, ma Elettra non avrebbe mai voluto seguire le orme di sua madre, lei aveva altri obiettivi e sogni. Ma il suo destino era d'accordo?
"Erano ore che Elettra fissava la statuetta della Santa, in quella casa che per anni aveva condiviso con Edda."
Santa Elisabetta, la patrona dei panettieri e degli ospedalieri: tutto iniziò da questa statua, alla quale Edda era molto devota. Piccoli dettagli trovati in quella casa ormai vuota, portarono Elettra al di là del mare alla ricerca di qualcosa che le avrebbe cambiato completamente la vita. Alla ricerca del Convento di Santa Elisabetta con lo zaino pieno di panini all'anice.
"Il traghetto, l'unico che collegava l'isola alla terraferma con partenze settimanali, entrò nelle acque riparate della baia lasciandosi alle spalle una scia di spuma dorata e un viaggio interminabile. […] Di fronte a lei, possente, la ragione del nome mitologico dell'isola: un titano che, sdraiato su un fianco, riposava su un enorme giaciglio verdeggiante."
Non oso svelare altro della storia, perché è ricca di colpi di scena, di suspense, di emozioni che devono piombarvi addosso all'improvviso mentre siete immersi nella lettura; così come è successo a me. Avevo lo stomaco contratto per ore, come se stessi vivendo ogni scena al posto di Elettra.
Vi posso dire però che conoscerete personaggi meravigliosi: donne forti con storie molto coinvolgenti alle spalle, donne indipendenti dopo una tragedia che ha colpito l'isola; conoscerete anche personaggi folli, abitanti vestiti di tradizioni, conoscerete così tante persone che alla fine del libro vi stupirete non ritrovarvele accanto.
Valentina Cebeni è una penna magica, quella che ho trovato per la prima volta in Cristina Caboni con i suoi due meravigliosi romanzi. Uso questo termine perché è il tipo di scrittura capace di incantare, di travolgere il lettore con una raffinatezza e dolcezza che ti lascia senza parole.
L'uso ricercato delle parole, i dettagli descritti alla perfezione, come se scelti uno per uno per descrivere al meglio il sentimento più nascosto del cuore di Elettra, le sue sofferenze, o ancora il profumo dei dolci che quasi riuscivo a sentire nell'aria.

Un libro che mi ha smosso l'anima. Ho sempre amato questo tipo di scrittura, frasi poetiche a volte melodiche, così profonde, precise, scritte con la stessa frequenza del battito del cuore, come ho ribadito all'autrice qualche mese fa dopo averlo terminato.
Ci sono libri che una volta letti, il giorno dopo si può passare tranquillamente ad un altro senza alcuna ferita aperta o lacrima ancora ingabbiata nell'occhio, ma la storia di Elettra non è tra questi.
Il giorno dopo mi era rimasta ancora qualche briciola di pasta di mandorle nel cuore, qualche focaccina alle mele in tasca, chiodi di garofano negli occhi e miele nelle mani. Mi guardavo in giro in cerca di Lea, Nicole, Sabine, ma soprattutto Adrian! Per un po' di giorni li vedevo ovunque, nella cappella, al bar e così via, fin quando hanno imparato che la cosa migliore fosse restare per sempre nella grande biblioteca del mio cuore.

Io ce l'ho fatta, ho scoperto la ricetta segreta per un sogno, ovvero, leggere un libro avendo l'impressione che sia la protagonista a prendervi per mano e mostrarvi ogni luogo, a farvi impastare marzapane, a farsi abbracciare in momenti di sconforto, a lottare per conoscere la propria vita, il proprio passato aiutata dalla solidarietà di donne meravigliose. Perché d'altronde qual è la ricetta migliore per un libro? Farci sognare.
Ringrazio Valentina Cebeni per questo. Ho avuto il piacere di conoscerla durante il tour in Sardegna e posso garantire che non ha deluso per niente le mie aspettative, la immaginavo proprio così: dolce e delicata come il suo romanzo.
Per farvi capire il suo modo di pensare, vorrei condividere con voi una delle belle frasi che ho memorizzato alla presentazione: “Secondo me il pregiudizio si combatte con la libertà”.
Ho conosciuto una parte di Elettra!


Nessun commento :

Posta un commento