[LIBRI PER SOGNARE] Recensione: "Un matrimonio da favola" di Fabiola D'Amico



Buongiorno meravigliose Sognalettici e straordinari Sognalettori!
Eccomi qui con questa nuova recensione, per la quale sento dentro me una sorta di ansia e agitazione. Già. Perché ho avuto l’estremo onore di leggere in anteprima “Un matrimonio da favola” della grandiosa Fabiola D’Amico e… sono completamente in preda alla gioia, ma nello stesso momento il concerto delle emozioni non smette di suonare dentro me.



IL ROMANZO


Titolo: Un matrimonio da favola
Autrice: Fabiola D'Amico
Editore: Newton Compton editori
Data di uscita: 6 aprile 2017
Genere: Romanzi rosa
Pagine: 288
Prezzo cartaceo: 5,90€
Prezzo ebook: 3,99€  


Christian è così diverso da Francesca, eppure lei ne è profondamente innamorata. Non le porta il caffè a letto la mattina, non la sorprende con fiori o cioccolatini. E non le dice mai "ti amo". Ma è leale e fedele, anche se non è capace di dichiarazioni romantiche. O almeno così Francesca pensava. Perché, a quanto pare, con la sua ex era molto diverso... Quando Francesca lo scopre, si sente tradita e lo lascia. E allora, per riconquistarla, Christian farà per lei qualcosa di cui Francesca non lo avrebbe mai ritenuto capace. Esaudendo il suo desiderio più grande...



Ho letto e riletto più volte alcune parti, perché mi sono entrate maggiormente nel cuore e per il semplice motivo che… non volevo più lasciarli andare. Avevo già adorato Francesca e Christian in “Un giorno da favola”, quando l’avevo letto un anno fa, ma con questo sequel l’Autrice è stata in grado di farmi desiderare che la storia dell’avvocato e la dottoressa non finisse più!!! E chi lo sa che magari… se provo a stalkerarla quotidianamente, magari…
In un “Matrimonio da favola”, sapevo di non poter aspettare che andasse “tutto liscio” tra Francesca e Christian. Ve l’ho detto, ormai mi sembra di conoscerli come se fossero miei amici e, conoscendo i loro caratteri, beh… andiamo per ordine.
All’inizio del libro, li ritroviamo “insieme” (e già questo è stato un sospiro profondo, perché da loro mi sarei potuta aspettare di tutto). Lui sempre più sexy e lei sempre più sognatrice, tanto da comparare fatti quotidiani a storie di romanzi. Insomma, proprio come prima. Anzi, no. Il loro legame si è acuito a tal punto da farmi sentire tra le righe un amore profondo, capace di unire realmente anche le persone più diverse del pianeta. Ho adorato soprattutto sentire ancor di più il senso di protezione di Christian nei confronti di Francesca, della “sua” donna.

Mentre girava tra le mani il bicchiere, si mise a guardare la porta, aspettandosi di veder entrare da un momento all’altro Francesca. Non era un tipo ansioso ma con lei preoccuparsi era più che naturale.Mai conosciuta una donna con la testa più in aria. […]Lei aveva il potere di far emergere un lato del suo carattere che fino a quel momento aveva riservato solo a Camilla, la sua adorabile nipotina”


Si alzò quando lei arrivò al tavolo.«Quel tizio ti ha importunato?», domandò baciandola brevemente sulle labbra. Francesca tornò rossa come un peperone.«Beh, non è stato gentile, ma me la sono cercata».Le sfiorò la schiena. Uhm. Quello che sentiva sotto il maglione gli piaceva molto.«Che fai?», chiese lei. «Cerco di indovinare cosa indossi»Lei alzò gli occhi al cielo e sbuffò. «Dovrai aspettare stasera per avere conferma».Già, quella notte avrebbe dormito a casa sua, così l’indomani all’alba avrebbe accompagnato Francesca e i suoi amici all’aeroporto.”
E durante il viaggio a Londra, durante questo allontanamento forzato, il loro legame verrà messo a dura prova, per la prima volta. Soprattutto quando un “cascamorto” farà corte ferrata a Francesca, tanto che in una telefonata con Christian, persino il bell’avvocato si accorgerà di una presenza scomoda nella stanza con lei. E a questo punto… permettetemi di dire che ho adorato - e mi viene ancora la pelle d’oca in questo momento – quando Christian si materializza a Londra, proprio durante un discorso “particolare” tra Francesca e il cascamorto Eric!!! 
Christian aveva preso il primo volo disponibile.Dopo la conversazione con Maria aveva capito che l’unica cosa da fare per proteggere l’amore che stava fiorendo tra lui e Francesca era andarla a prendere”
Non posso inserire troppi estratti (anche perché altrimenti inserirei quasi tutto il libro... okay, okay, tutto il libro!!!), ma vi posso garantire che “quel” momento e il “dopo”… mi fanno salire ancora un’emozione incontrollabile fin sopra i capelli!!! Sì, le mie emozioni sono “particolari”, tutto grazie alla storia di Christian e Francesca, proprio perché loro sono “particolari”. E proprio quando il nostro avvocato va a riprendersi la sua dottoressa e noi crediamo che l’unico imprevisto del loro futuro possa essere un battibecco circa il disordine di Christian tra le mura domestiche, ecco che qualcosa di veramente importante risorge dal passato del nostro sexy avvocato. E sarà proprio la sua ex fidanzata a rivelarlo a Francesca. Da questo momento, il dolore non si impossessa soltanto del costato di Francesca, ma anche e soprattutto di noi lettrici, ve lo posso garantire!
“Un matrimonio non si fonda soltanto sull’amore, che, pur essendo l’elemento portante, ha natura volitiva. Si nutre di lealtà e di fiducia, fiorisce nella consapevolezza che non finirà al primo intoppo. I piccoli istanti di felicità e la complicità che si assaporano nel tempo sono il cemento per creare le basi per una costruzione solida e complessa. Quello che è successo oggi è la prova che qualcosa nel rapporto tra me e Christian non va bene”

Ora… riusciranno Christian e Francesca a chiarirsi, debellando le malelingue, i dubbi, le paure, scoprendo le carte una volta per tutte?
Non mi permetto fare altro spoiler riguardo questo meraviglioso libro che mi ha donato tante di quelle emozioni da dover inviare messaggi continui di “ringraziamento” all’autrice, tanto da diventare la sua “stalker” ufficiale. Ma un’ultima cosa desidero condividerla con voi: fino all’ultima riga si rimane con il fiato sospeso, in apnea, e non per la tensione a mo’ di “film d’azione”, no, ma per il semplice motivo che non ci si rende nemmeno conto di quanto si è collegati con la storia, vivendo ogni minimo istante con i protagonisti, fino all’attimo in cui non si arriva alla parola “fine”. E ancora una volta ti vien voglia di leggerne ancora, di più, sempre di più!



Ecco che mi permetto ringraziare anche “qui” Fabiola D’Amico per questa meravigliosa storia, intrisa di emozioni, per avermi fatto passeggiare con Francesca tra le vie di Londra, per avermi fatto sentire sotto pelle ogni minima sensazione provata da lei e dall’avvocato che, sinceramente, ho amato ancor di più in questo secondo libro!
Ma prima di lasciarvi con un ultimo breve estratto, mi permetto ricordare che se volete “gustare” ancor di più questa favolosa storia, non potete non leggere il prequel “Un giorno da favola” di cui trovate la mia recensione qui:

C’era solo un modo per definire quella follia: matrimonio a sorpresa!”


Buona lettura!!!



QUI potete trovare la recensione di 
"UN GIORNO DA FAVOLA"



Nessun commento :

Posta un commento