[Libri per sognare] VADO, SBAGLIO E TORNO - Jana Aston - Newton Compton


Buongiorno Sognalettori, oggi vi parlo di "Vado, sbaglio e torno" dell'esordiente Jana Aston.

IL ROMANZO

Titolo: Vado, sbaglio e torno
Autore/Autrice: Jana Aston
Serie: Wrong vol. 1
Finale: Autoconclusivo
Editore: Newton Compton
Data di uscita: 3 Agosto 2017
Genere: Contemporary Romance
Pagine: 286
Prezzo cartaceo: 5,90€
Prezzo ebook: 4,99€


Ho una certa abilità nello scegliere la persona sbagliata. Magari è gay. Oppure ha il vizio del gioco d'azzardo. Per non parlare del tipo tutto perfettino che poi risulta essere un cocco di mamma. Insomma, riesco a inanellare uno sbaglio dopo l'altro... Ultimamente mi capita di non riuscire a smettere di fantasticare su uno dei clienti del bar dove lavoro nei ritagli di tempo. Mi auguro che sia solo un'innocua cottarella, niente di cui preoccuparsi. E poi non è che io lo abbia mai visto fuori dal locale. Il tipo in questione è un ginecologo. E questo lo rende l'uomo sbagliato. Ma è anche l'uomo su cui ho avuto le fantasie più eccitanti e scandalose che ricordi...


Sophie Tisdale, 21 anni, studia Economia all'ultimo anno presso l'Università della Pennsylvania e lavora al Grind Me, caffetteria situata nei pressi del campus, per pagarsi gli studi, insieme alla sua pazza, sfacciata amica Everly. È cresciuta con la nonna e non ha mai conosciuto suo padre, la madre è morta prima che compisse 2 anni, dopo averla avuta in giovane età, quando ancora frequentava il primo anno di università, è attualmente fidanzata con Mike, con il quale a deciso di perdere finalmente la verginità, dopo essere stata per due anni con un ragazzo dolcissimo ma che si è rivelato essere gay.
Ed è proprio per non commettere gli stessi errori della madre, che Sophie prenota una visita ginecologica presso l'ambulatorio degli studenti, per fasi prescrivere la pillola anticoncezionale, prima di compier il grande passo.

"Voglio stare bene. Non ho mai voluto essere come mia madre. Non voglio rovinare la mia vita con una gravidanza indesiderata e accollare ai miei nonni un altro bambino non programmato."

Ma è proprio durante la visita che scopre che il ginecologo, ossia il Dott. Miller, primario del reparto di ostetrica dell'ospedale, nonché endocrinologo della riproduzione, è Luke, l'uomo alto, con folti capelli scuri, occhi castani e le mani più belle che abbia mai visto, l'uomo che frequenta regolarmente ogni settimana la caffetteria dove Sophie lavora e per cui lei sbava e  ha una cotta colossale.

"Sophie", da un'occhiata alla scheda che tiene in mano, "Tisdale. Signorina Tisdale, ci conosciamo?". Sto avendo un'esperienza extracorporea? Questo momento potrebbe essere più imbarazzante? Non sa proprio dove collocarmi al di fuori della caffetteria. L'uomo sul quale ho fantasticato quasi ogni martedì per settimane è ora il mio ginecologo, e quel che è peggio - meglio? - non sa chi io sia. "Grind Me", mi lascio sfuggire. Oh mio Dio, che nome stupido per una caffetteria. !La caffetteria, Grind Me". La sua espressione non cambia. Guarda di nuovo la scheda che ha in mano. "Studentessa universitaria, ventuno". Si interrompe e con un dito tamburella sulla parte inferiore della cartellina. Accidenti a lui e alle sue dita così attraenti. Sfoglia un paio di pagine della mia cartella clinica. "Lei vuole la prescrizione per un anticoncezionale?". Mi guarda dritto negli occhi e il mio ritmo cardiaco esplode. Non era in questo modo che avrei voluto la sua totale attenzione. "Giusto", rispondo.

La visita ginecologica sarà esilarante, con qualche incidente di troppo e la mania dei calzini di Sophie, che tradirà le sue intenzioni.

"Aspetta . Che calzini avevo oggi? Mi fermo, con la scarpa in mano. Quelli con le righe rosa sopra. Sollevo il piede. "Raffinata". Questo è quello che c'è scritto sotto il mio piede sinistro. E sotto il piede destro? "Puttana". Porto i calzini puttana/raffinata. Ecco cosa gli ho mostrato mentre avevo le gambe aperte. Questa visita poteva andare peggio d così?"

Fin qui un romanzo piacevole, divertente e con dialoghi ben curati, i due protagonisti si scopriranno innamorati l'uno dell'altra, nonostante la grande differenza d'età (almeno 10 - 15 anni) e le iniziali titubanze di lui. Dovranno affrontare una ex fidanzata, Gina, non proprio sana di mente e la famiglia di lui, che tenterà in ogni modo di accasare il bel dottore con un partito migliore di Sophie.
Poi, a mio parere, il romanzo scade nel banale, diventa scontato e troppo frettoloso, con pochissimi se non inesistenti, colpi di scena, condito da troppe e lunghe scene di sesso e da un linguaggio forte, che in alcuni punti non disdegna ma che in altri momenti ho trovato fuori luogo.
Veramente un peccato, la storia è bella, originale e aveva ottime potenzialità, se sviluppata diversamente e molto più lentamente. È comunque una lettura che consiglio per passare in spensieratezza gli ultimi scampoli d'estate.


7 commenti :

  1. Ottima recensione mi ha fatto venire molta voglia di leggerlo. Sicuramente sarà il prossimo libro che leggerò.

    RispondiElimina
  2. Mi dispiace che alla fine si rilevi un romanzo scontato perché l'inizio mi sembra proprio divertente xD
    Insomma le calze raffinata/puttana mi mancavano. Una lettura però potrei comunque dargliela, almeno per farmi quattro risate xD

    RispondiElimina
  3. Brava,ottima recensione! C'è da dire che dopo aver letto la tua opinione però non so se leggerò tanto presto questo libro.

    RispondiElimina
  4. Carinissimo questo romanzo e la recensione invoglia a leggerlo!

    RispondiElimina
  5. Non è il mio genere ma mi è comunque piaciuto leggere la tua recensione :)

    RispondiElimina
  6. Ciao Patrizia! A dirti la verità ti confesso che non mi sarei comunque avvicinata alla lettura di questo libro, però ho apprezzato la tu recensione dive hai cercato di puntare sulle cose positive, nonostante il libro non ti sia piaciuto molto 😉

    RispondiElimina
  7. Ho proprio voglia di spensieratezza!! Peccato che poi diventi banale ma mi hai incuriosita!

    RispondiElimina